Card Idrocarburi: nessun anticipo, ultimo accredito entro fine anno

Nessuna variazione è stata apportata all’erogazione di quello che, tutti i lucani patentati ricorderanno, come l’ultimo accredito sulla Carta Idrocarburi. card-idrocarburi1Le voci, non ufficiali, circolate nei giorni scorsi dunque, sono prive di ogni fondamento. Come è stato annunciato dal Ministero dello Sviluppo Economico, l’ultimo accredito sulla card dipende dal Ministero delle Economie e delle Finanze. Da quest’ultimo dovrebbe, infatti, partire lo stanziamento di 71,9 milioni euro, per sbloccare il quarto ed ultimo versamento, che dovrà andare prima a sopperire la terza quota a circa 3000 patentati, che non l’hanno ricevuta.   L’imponibile di riferimento sarà il 2012, dato che la somma da caricare sulla card sarà in funzione della fascia di reddito di appartenenza: sopra i 75.000 euro; tra 75.00 e 28.000 euro; meno di 28.000 euro.
L’unica certezza è che al di sopra dei 75mila euro di reddito sarà accreditata la somma di 30 euro, per le fasce minori invece – fanno sapere dal Mise – non è possibile fare previsioni dettagliate, ma bisognerà attendere l’emanazione del decreto interministeriale. Il periodo in cui si svolgeranno queste operazioni, dunque, è rimasto invariato. Entro Novembre il Mef dovrebbe, accreditare al Misa la somma stabilita, che sarà girata a Poste Italiane per procedere alle ricariche della card, seguendo una tempistica che sarà indicata sui canali di Poste Italiane. Le notizie circolate sui social per l’avvio dell’accredito, non hanno fondamento. Probabilmente i lucani troveranno l’ultimo accredito alla card idrocarburi sotto l’albero di Natale.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*