Le stelle marine tornano nello Jonio. Ritrovamenti anche a Marina di Pisticci

stellemarineSanBasilio

foto Adduci

Pisticci – Mentre negli Stati Uniti di America, da qualche anno, si sta assistendo ad una vera e propria epidemia, per ogni tipologia di esemplare di stelle marine, sulle spiaggie joniche, questi fantastici esemplari sono tornati a sedurre i bagnanti. Alcuni ritrovamenti sono stati registrati con l’inizio della stagione balneare in corso, da alcuni cittadini a marina di Pisticci. Non se ne vedevano più da anni, le Astropecten, più comunemente conosciute con il nome di “stella marina”, sono tornate a far capolino sui bassi fondali del Mar Jonio. La specie è sempre stata molto diffusa per lo più nell’Oceano Atlantico e nel Mar Mediterraneo, in fondali che vanno da 1 a 1000 mentri e si incontrano con più facilità su litorali sabbiosi. La causa della moria di molti tra gli esemplari, che popolano i fondali americani, è stata individuata in un Densovirus, rimasto per tempo innocuo, ma che negli ultimi tempi ha colpito, in seguito alla fioritura di particolari alghe.

foto Laviola

foto Laviola

Altre ipotesi paventate, invece, rimandano le responsabilità all’inquinamento dei mari. Difatti, a causa della conformazione del sistema vascolare, le Astropecten non riescono a filtrare gli agenti inquinanti presenti nell’acqua, risultando vulnerabili all’ambiente marino. In particolare, gli esemplari di stella marina, risultano estremamente sensibili all’inquinamento derivante dagli scarichi industriali, reflui, e scarichi di pesticifi e fertilizzanti usati nelle aziende agricole. Che questa ultima analisi, sia quella ipotizzabile, per la scomparsa di questi esemplari dai nostri mari, sembra ovvio, sopratutto se si considerano le numerose matrici inquinanti presenti nel nostro territorio. Nei giorni scorsi, inoltre, l’appassionato meteorologo Alberto Raimondo, ha testimoniato attraverso un video pubblicato sui social network, il ritrovamento di numerosi esemplari di Aplysia depilans, più comunemente conosciuto come “lepre di mare”. Come per le stelle marine, anche di questa specie, si era persa traccia sui fondali sabbiosi dello Jonio. Questa serie di riscoperte, tuttavia, smorza l’angosciosa problematica ambientale, che attanaglia anche il Metapontino. Per gli amanti di questa specie, della natura e dell’ambiente indubbiamente un dato importante, che porta alla riscoperta di creature meravigliose.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*